Blog

Come effettuare la manutenzione del motore della tua barca

Il motore è la parte più delicata di un’imbarcazione: per assicurargli lunga vita è necessario provvedere di frequente e con attenzione alla sua manutenzione.

Le ore di navigazione, l’azione corrosiva del sale dell’acqua di mare, il sole, sono tutti fattori che vanno ad incidere sulla “salute” del motore e rischiano di danneggiarlo, causandone un cattivo funzionamento che può essere causa di pericoli in mare aperto e incidere anche sui costi legati all’utilizzo dell’imbarcazione.

In questo articolo vedremo come effettuare la manutenzione ordinaria e straordinaria del motore della tua barca per farlo durare a lungo. Continua a leggere!

La manutenzione ordinaria del motore fuoribordo e entrobordo

La manutenzione ordinaria è più o meno simile sia per i motori fuoribordo sia per i motori entrobordo. In entrambi i casi, dopo ogni uscita è necessario:

  • Sciacquare il motore, immergerlo in acqua dolce e farlo girare almeno 15 minuti a bassa velocità per rimuovere il sale
  • Verificare che l’acqua all’interno della pompa scorra in abbondanza e con cadenza regolare
  • Verificare il livello dell’olio e lubrificare il motore insistendo con maggiore cura sulle sue parti mobili 
  • Rimuovere la calotta del motore per accertarsi che tutte le componenti siano in buono stato e che non ci siano perdite d’acqua o di carburante. 

La manutenzione straordinaria dei motori fuoribordo e entrobordo

Dopo la stagione di navigazione, quando l’imbarcazione è pronta per l’ormeggio o per il rimessaggio, è necessario effettuare la manutenzione straordinaria del motore per prepararlo al lungo periodo di inattività.

Dopo aver effettuato le consuete operazioni di manutenzione ordinaria, per i motori fuoribordo bisogna inoltre:

  • Controllare le candele e proteggere i cilindri lubrificandoli con dell’olio 
  • Verificare l’integrità del filtro della benzina ed eventualmente sostituirlo 
  • Verificare l’integrità della turbina della pompa dell’acqua, che va in ogni caso sostituita ogni anno o dopo 200 ore di navigazione per evitare il surriscaldamento del motore. 

Per quanto riguarda i motori entrobordo invece la manutenzione è un po’ più complessa: dopo aver fatto girare il motore in acqua per almeno 40 minuti e controllato l’impermeabilità di tutti i circuiti di alimentazione, lubrificazione e raffreddamento, per i motori entrobordo è necessario:

  • Iniettare un antigelo nel motore 
  • Spurgare il circuito dell’acqua
  • Svuotare la coppa dell’olio e sostituire il filtro, nonché la turbina, le candele, le viti, il ruttore e, se necessario, il liquido di trasmissione
  • Controllare la tensione e l’usura della cinghia del motore
  • Risciacquare e asciugare con un panno
  • Lubrificare le parti mobili e l’albero dell’elica 

Non dimenticate: fate il pieno di benzina prima di mettere a riposo la vostra imbarcazione in modo da evitare fenomeni di condensazione e, prima della messa in funzione del motore dopo la stagione invernale, effettuate un nuovo lavaggio e controllate che tutte le parti siano in buono stato.
In questo modo non correrete rischi durante la navigazione e assicurerete al motore fuoribordo o entrobordo della vostra imbarcazione una lunga vita.


Per ricevere un supporto durante le fasi di manutenzione del motore della vostra barca affidatevi sempre a tecnici specializzati come i professionisti del Blue Dolphin!

6 Gennaio 2020
Circa editore