Blog

Vacanze in barca a vela con skipper: come organizzarsi

Scegliere uno skipper anche se sia una barca di proprietà è il modo migliore per godersi la vacanza in barca a vela in totale relax. Ecco le norme da seguire anche per prevenire un eventuale contagio da Coronavirus

Una vacanza in barca a vela e il sogno nel cassetto di molti italiani e sono davvero tanti quelli che, quest’anno, complice l’epidemia di Coronavirus, hanno deciso di realizzare finalmente questo sogno, concedendosi una vacanza in totale sicurezza, tra sole mare relax e tanto divertimento!

Anche se hai la tua barca, per le vacanze estive potresti voler assoldare uno skipper che si occupi della navigazione, per goderti una settimana di totale relax:  in questo articolo vedremo come organizzare una perfetta vacanza in barca a vela affidandosi all’esperienza di uno skipper.

Organizzare una vacanza in barca a vela con skipper

Lo skipper è il professionista che rende possibile una vacanza in barca a vela praticamente a tutti: esperto di navigazione, lo skipper è indispensabile per chi non ha mai navigato e non conosce l’abc della nautica, ma può essere una figura di supporto anche per coloro che posseggono un’imbarcazione e sanno andare a vela ma non hanno voglia di trascorrere la loro vacanza a occuparsi di vele, cime e rotte di navigazione. 

Lo skipper se ne occuperà per voi, assicurandosi che tutto vada per il meglio e permettendo a voi  di godervi la vostra vacanza in totale relax.

Di cosa si occupa uno skipper?

Lo skipper è in pratica il comandante dell’imbarcazione: il suo compito è quello di navigare da un porto all’altro secondo una  rotta precedentemente definita in accordo con gli ospiti dell’imbarcazione. 

Navigare con uno skipper, oltre ad essere più rilassante  e anche più sicuro: lo skipper infatti è un navigatore esperto, che non di rado conosce anche i posti più belli e le cale più nascoste in cui  fermarsi a fare il bagno.

Scegliere di affidarsi ad uno skipper permette anche agli armatori già esperti di imparare qualcosa di nuovo, come piccoli segreti per la navigazione a vela oppure tecniche per realizzare nodi difficili.

Non bisogna dimenticare infatti che  lo skipper è un vero e proprio professionista: in Italia, per diventare Skipper è necessario seguire il corso da ufficiale di bordo disciplinato dalla LEGGE 121/2005. Questo significa che ci si può affidare a questa figura in totale sicurezza.

Barca a vela con skipper: regole anti-contagio

Qualche precauzione in più andrà presa quest’anno per evitare un eventuale contagio da Coronavirus: se scegli di affidarti ad uno skipper Infatti, devi tenere presente  che si tratta di un estraneo con il quale dovrai condividere gli spazi ristretti.

A questo proposito il MIT  ha emanato delle linee guida anti contagio da mettere in atto nel caso in cui si scelga di noleggiare una barca con skipper o di imbarcare personale di servizio sulla propria  imbarcazione.

Nel caso di affitto della barca a vela con equipaggio, il locatore deve certificare la buona salute dello skipper e delle hostess eventualmente presenti. Allo stesso modo, prima di salire sulla tua imbarcazione il personale di servizio dovrà effettuare accertamenti sanitari (test sierologico e misurazione della temperatura)  per dimostrare di essere in buona salute.

Per quanto riguarda la suddivisione degli spazi, lo skipper e tutto l’equipaggio eventualmente presente dovrà soggiornare in un ambiente diverso da quello del gruppo di persone che ha noleggiato la barca o che sta trascorrendo insieme le vacanze;  anche se su un’imbarcazione gli spazi sono ristretti è necessario cercare di garantire in ogni momento la distanza di sicurezza tra i membri del personale nautico e gli ospiti.

Hai deciso di fare le tue vacanze in barca a vela ma hai ancora dubbi sulla scelta della destinazione? Trova ispirazione in questo articolo su 3 destinazioni marittime da sogno tutte italiane!

13 Luglio 2020
Circa editore